alimentazione

alimentazione, amaranto, cibo, glutine

Amaranto, questo sconosciuto.

02 marzo 2016


Oggi per pranzo ho mangiato un piatto di amaranto con verdurine il tutto rigorosamente biologico. Vi chiederete: “che hai mangiato? Amara..che?”.


L’amaranto è comunemente considerato un cereale anche se in realtà non lo è pur avendo molte caratteristiche in comune con questa categoria di alimenti: appartiene alla famiglia delle amarantacee è privo di glutine e ricco di proteine oltre che di numerose proprietà.

Alimento noto già al tempo degli Atzechi ed incas rappresentava la base alimentare di queste popolazioni antichissime insieme a mais e quinoa.

In realtà, non è molto conosciuto nelle nostre ben più tradizionali cucine ed è un peccato in quanto presenta preziosissime proprietà.

Non contiene glutine e pertanto è adatto per chi ha problemi di celiachia ( controllare sempre l’etichetta in quanto potrebbe essere stato lavorato presso stabilimenti che lavorano alimenti con glutine). Inoltre, l’amaranto presenta un ottimo contenuto in proteine il che lo rende un perfetto sostituto delle proteine di origine animale. Proprio per l’elevato contenuto in proteine si sconsiglia di associarlo ad altri alimenti altamente proteici: meglio abbinarlo con verdure.È digeribilissimo è molto ricco di fibre e di calcio. Presenta buone quantità di ferro, vitamine del gruppo B e C.

È consigliato per l’alimentazione degli anziani e dei bambini fin dalle prime fasi dello svezzamento proprio perchè altamente digeribile.

L’amaranto è un toccasana per il nostro sistema cardiovascolare e, contenendo una quantità elevata di fitosteroli contribuisce alla riduzione del colesterolo in eccesso. Non è consigliabile a chi soffre di patologie renali, gotta ed artrite reumatoide per la quantità non trascurabile di acido ossalico in esso presente che  potrebbe inibire l’assorbimento di calcio e zinco.

COME SI PREPARA?????

Sciacquare bene l’amaranto. In una pentola versare una parte di amaranto e due parti di acqua. Portare ad ebollizione e lasciare cuocere per una ventina di minuti. Salare, eliminare l’eventuale residuo di acqua e condire con verdurine cotte a piacimento. Si consiglia di lasciar riposare dieci minuti prima di servire l’amaranto senza mescolare per dare ai chicchi la possibilità di terminare di gonfiarsi.Alcuni lo condiscono anche con la salsa di soia ( personalmente non ho provato, vi farò sapere).

Inoltre, esistono in commercio anche i chicchi di amaranto che possono essere fatti scoppiare in padella come il pop corn!!!

Buonissimo!!!!!!!

Gabry F.

< Nuotareeee oh ohhh. L’appoggio del piede >
di IronGabry
2 commenti
icona clibi

di clibi , 02 marzo 2016

io uso i chicchi di amaranto che cuocio anche per fare l'amaranto croccante (tipo popcorn) scaldando in una pentola antiaderente coperta, ci vuole pochissimo, uso i chicchi ammollati per una notte anche negli impasti senza cuocerli, ne faccio dei cracker, adoro l'amaranto, in cucina è vermanente versatile

rispondi a clibi

icona irongabry

di irongabry , 02 marzo 2016

Un alimento tutto da scoprire!!!! Grazie!

rispondi a irongabry

rispondi al post

Inserisci i tuoi dati qui sotto

IL MIO INSTAGRAM

segui @irongabry81 su instagram

Stasera...che sera..Dicono che chi parte per un viaggio, al ritorno non sia più lo stesso di quando è partito. Beh, di viaggi ne abbiamo fatti tanti, ma l’esperienza fatta in Africa è stata davvero unica. Fin dall’arrivo in aeroporto, ti rendi conto di come la popolazione di questa terra viva la loro vita con semplicità ed umiltà: una vera semplicità, che li porta a sorridere sempre, pur mancando tutto, pur respirando davvero la povertà che in queste zone si traduce in fame e mancanza di beni di prima necessità. Al contempo, ti ritrovi in una terra magica, fatta di paesaggi stupendi, mare cristallino, sabbia bianchissima, frutta dal sapore goloso e succulento ( che da noi non arriva). E l’ospitalità è quella che ti colpisce. JAMBO! Hakuna matata! Perché gli africani sono così, vivono la vita lentamente, e senza pensieri. Che di pensieri invece dovrebbero farsene e parecchi, ed invece no...é la loro filosofia. Si aiutano a vicenda, chi ha più da a chi a meno, e vi confesso che non ho percepito che serenità nel loro modo di fare, nel loro vivere la quotidianità così, un passo alla volta. Vivendo davvero come fratelli. Niente fronzoli, niente invidie, capelli al vento modellati dall’acqua salmastra. La fortuna di prendere in braccio una scimmietta per la prima volta e assaporare le sensazioni del momento: sembra un gattino, ma con le manine che stringono! Un sorriso, una gomma da masticare che si intravede in un angolo. Ero davvero felice.Avete anche voi dei posti del ❤️? Dei luoghi dove andare a rifugiarsi per ritrovare pace e serenità? Io si, e anche diversi. Ad esempio, ritrovarmi in riva al mare magari con un bel sole e perdermi a vista nell’orizzonte infinito, nel punto dove cielo e mare si incontrano in un abbraccio senza fine, mi da tanta calma ed energia. Il sole con i suoi raggi e la brezza del mare mi accarezzano il viso... e mi sento bene☺️ #irongabryIl respiro che rasserena e ricarica. #breathe #respira #rilassamento #irongabry#loveyourself #irongabry“Ti viene data solo una piccola scintilla di follia. Non devi perderla”R. WilliamsPrima di prendere una qualsiasi decisione, è sempre opportuno porsi la domanda “come sto”? Facciamoci caso, nella quotidianità capita di chiedere alle persone che incontriamo “come stai” ma difficilmente ci preoccupiamo di analizzarci e chiederci come stiamo. 
In realtà, la consapevolezza del nostro stato d’animo in un preciso momento, conoscere e comprendere tale stato, è il primo passo per poterlo cambiare e potenziare. 
Lavoriamo per diventare consapevoli di come usiamo il nostro cervello per provare i vari stati d’animo e ripuliamo noi stessi per fare le cose al meglio ed assumere le decisioni con la massima lucidità e ponderazione. ❤️#irongabry81 #avantitutta #ilimitisonofattiperesseresuperati #maratoneta #statodanimo #comestai #comesto #tisonovicinosempre #pnl #coaching #sorridisempre